CORRIERE DELLA SERA

news

“Milano Sembra essersi lasciata alle spalle la crisi, in questi giorni di Salone. Mi sembra Londra questa città.
E ho notato un pubblico internazionale, parecchi giapponesi e tedeschi…Si respira in giro un grande entusiasmo,
si vede molta creatività: è una città vibrante come la capitale d’Oltremanica dove ho lavorato per un anno nel settore
del design tessile. Che cosa mi ha colpito tra i progetti che ho visto? Lo stand dei fratelli Boffi al salone con
Good Vibrations di Ferruccio Laviani. E anche il progetto esposto a Palazzo Clerici dallo studio FormaFantasma:
un curioso allestimento di realizzati in lava, dell’etna, De Natura fossilium. Quanto al mio percorso, sono nato
a Como nel 1990 e dopo gli studi all’Istituto Tecnico in grafica e comunicazione, nel 2009 mi sono trasferito a Londra
per lavorare alllo studio Westcott Design. Il mondo del design italiano? rispetto a quello britannico è più “alto”,
anche perchè è presidiato da designer affermati mentre il mercato british è più aperto agli emergenti. Tornato in italia
mi sono laureato in Product Design all’Istituto Marangoni di Milano. E adesso con l’istituto Marangoni e Giulio Cappellini,
in collaborazione con l’azienda svedese Bolon, a Milano presento due progetti in via Cerva 24. Nel segno della nuova
sostenibilità: un tavolino e una sdraio realizzata con materiale di riciclo, fornito dall’azienda svedese.
Perchè questa è la novità che ho colto nell’aria in questi primi giorni on the road al Salone: c’è voglia di nuova sostenibilità.
Non materiali biodegradabili bensì oggetti capaci di resistere nel tempo e proprio per questo di contribuire alla causa
di un mondo più sostenibile.” Giulio Masciocchi

quotidiano Corriere della sera Aprile 2014